Home > Ambiente > Un colpo di fumo per Delhi
Ambiente

Un colpo di fumo per Delhi

Ogni novembre, i satelliti rilevano grandi pennacchi di fumo e un’intensa attività di fuoco nell’India nordoccidentale mentre i contadini bruciano la paglia di riso in eccesso dopo la raccolta del riso.

Molti agricoltori, in particolare negli stati del Punjab e dell’Haryana, usano il fuoco come un modo rapido ed economico per ripulire e fertilizzare i campi prima di piantare colture di grano invernale. Tuttavia, l’ondata di incendi nel cuore della densamente popolata pianura indo-gangetica contribuisce spesso a un forte deterioramento della qualità dell’aria a novembre e dicembre .

Sebbene le persistenti piogge monsoniche di quest’anno abbiano mantenuto l’attività degli incendi a livelli bassi per alcune settimane in più rispetto al solito, i satelliti hanno osservato un’elevata attività degli incendi a novembre mentre il ritmo degli incendi accelerava. L’11 novembre 2021, la Visible Infrared Imaging Radiometer Suite (VIIRS) sul satellite Suomi NPP ha acquisito questa immagine a colori naturali di un fiume di fumo che fuoriesce dagli incendi nel Punjab e Haryana verso Delhi, una delle città più popolose dell’India. Usa il cursore di confronto delle immagini per vedere le posizioni degli hotspot osservati da VIIRS quel pomeriggio. Probabilmente anche gli incendi nel nord del Pakistan hanno contribuito in parte al fumo.

“Guardando alle dimensioni del pennacchio dell’11 novembre e alla densità di popolazione in quest’area, direi che una stima prudente è che almeno 22 milioni di persone sono state colpite dal fumo in questo giorno”, ha affermato Pawan Gupta , uno spazio universitario. Scienziato della Research Association (USRA) presso il Marshall Space Flight Center della NASA.

Come negli anni passati, i sensori a Delhi e altrove nel nord dell’India hanno registrato livelli di inquinamento dell’aria alle stelle. I sensori nell’area della capitale, incluso uno presso l’ambasciata degli Stati Uniti, hanno registrato concentrazioni di particolato fine (PM 2,5 ) e particolato grossolano (PM 10 ) ben superiori a 400 microgrammi per metro cubo in diverse occasioni a novembre. Poiché il particolato è collegato a una serie di problemi respiratori, cardiovascolari e di altro tipo , le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità raccomandano che le concentrazioni medie di PM 2,5 nelle 24 ore siano mantenute al di sotto di 15 microgrammi per metro cubo. Gli alti livelli di inquinamento hanno portato a blocchi parziali , chiusure scolastiche e fermi nei lavori a Delhi e in altre città .

Il fumo degli incendi dei raccolti non è l’unico fattore che contribuisce ai cieli nebbiosi. Gli afflussi di polvere a volte arrivano dal deserto del Thar a ovest, come hanno fatto il 12 novembre 2021 (vedi immagine sotto). Una serie di altre fonti di inquinamento atmosferico causate dall’uomo nelle città, compresi i fumi dei veicoli a motore, l’attività industriale e edilizia, i fuochi d’artificio e gli incendi per il riscaldamento e la cottura producono anche particolato e altri inquinanti.

Anche la geografia e il clima aggravano i problemi di qualità dell’aria della regione. Le inversioni di temperatura sono comuni a novembre e dicembre quando l’aria esce dall’altopiano tibetano e si mescola con l’aria fumosa della pianura indo-gangetica. Un’inversione può funzionare come un coperchio, con l’aria calda che intrappola gli inquinanti vicino alla superficie e li aiuta a raccogliere gli inquinanti tra le montagne dell’Himalaya a nord e le montagne Vindhya a sud.

Hiren Jethva , uno scienziato dell’Associazione per la ricerca spaziale delle università (USRA) con sede presso il Goddard Space Flight Center della NASA, utilizza misure di “verde” o indice di vegetazione della differenza normalizzata (NDVI) per anticipare l’ attività degli incendi ogni anno. I dati che utilizza provengono dal Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (MODIS) sul satellite Aqua della NASA .

“All’inizio dell’estate, abbiamo visto uno dei più grandi valori NDVI nel record di oltre 20 anni. Sulla base di ciò, avevo previsto che questa sarebbe stata una delle stagioni degli incendi più attive mai registrate, ed è esattamente quello che abbiamo visto”, ha detto Jethva. “Ci mancano ancora alcune settimane di incendi, ma già Aqua MODIS ha rilevato più di 17.000 hotspot nel Punjab e nell’Haryana, rendendo questa la stagione degli incendi più attiva mai registrata”. Aqua MODIS ha iniziato a raccogliere dati nel 2002.

Il sensore VIIRS ( Visible Infrared Imaging Radiometer Suite ) effettua misurazioni simili, ma è in grado di rilevare molti punti caldi piccoli e a bassa temperatura che MODIS non rileva . Al 16 novembre, VIIRS aveva rilevato più di 74.000 hotspot nel Punjab. “Ci stiamo avvicinando ai quasi 85.000 che il sensore ha rilevato nel 2016, l’anno più attivo nel record VIIRS”, ha detto Gupta.

Mentre il conteggio totale degli incendi è rimasto costantemente alto nel Punjab, i dati satellitari indicano che le campagne per convincere gli agricoltori a ripulire i campi senza usare il fuoco si sono dimostrate più efficaci nell’Haryana. “In nove anni di osservazione del VIIRS, non vediamo una grande tendenza nel Punjab. Tuttavia, ad Haryana, abbiamo visto una diminuzione del 45% del numero totale di incendi nel 2020 rispetto alla media 2012-2019″, ha aggiunto Gupta. “Ma il conteggio degli incendi sembra essere nella fascia alta anche quest’anno in Haryana”.

Immagini dell’Osservatorio della Terra della NASA di Lauren Dauphin, utilizzando i dati MODIS della NASA EOSDIS LANCE e GIBS/Worldview . Storia di Adam Voiland .

Fonte articolo: https://earthobservatory.nasa.gov/

Riguardo all'autore

Luca

Ciao sono Luca e questo è il mio sito nel quale pubblico i miei progetti e ospito l'Associazione Meteo Live VCO. Spero ti piaccia e buona navigazione.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utenti online

Visitatori online – 120
Utenti – 5
Ospiti – 115

Temperature VCO e dintorni