Home > Ambiente > NASA Earth Bellezza soffiata dal vento nel mare di Weddell
Ambiente

NASA Earth Bellezza soffiata dal vento nel mare di Weddell

La coperta ghiacciata di ghiaccio marino in cima all’Oceano meridionale è uno studio agli estremi.

Dopo essere cresciuto fino a coprire 18 milioni di chilometri quadrati di mare in inverno, il ghiaccio si scioglie quasi completamente ogni estate. Ma anche durante questo scioglimento annuale, le temperature durante la primavera australe possono essere ancora abbastanza fredde da produrre aree localizzate di nuova crescita del ghiaccio intorno all’Antartide.Il risultato è un medley di modelli e texture congelate, visibile in questa immagine acquisita il 20 novembre 2021, con l’Operational Land Imager (OLI) su Landsat 8.

Mostra una serie di tipi di ghiaccio nel mare di Weddell vicino al continente antartico.Il ghiaccio più denso di questa vista non è affatto il ghiaccio marino; appartiene alla piattaforma di ghiaccio di Ronne. La mensola è un’estensione galleggiante della calotta di ghiaccio terrestre dell’Antartide, e si estende per decine di metri sul livello del mare sul suo fronte. La stessa piattaforma di ghiaccio ha sepolto Iceberg A-76 nel maggio 2021. I pezzi di iceberg da allora sono andati alla deriva fuori dalla cornice di questa immagine.Il ghiaccio marino abbraccia spesso la piattaforma di ghiaccio.

Ma in questo giorno, il vento che soffia dall’interno ha allontanato il ghiaccio, lasciando una striscia relativamente ampia di acqua aperta. Faceva abbastanza freddo che l’acqua cominciò subito a ringelare, ma i venti continuarono a spingere il nuovo ghiaccio lontano dalla mensola. Di conseguenza, l’acqua più vicina alla mensola era probabilmente un mix di acqua aperta mescolata a ghiaccio frasile – minuscoli cristalli simili ad aghi che segnano il primo stadio della crescita del ghiaccio.Man mano che i cristalli del frasile si collegano e si accumulano, formano nilas – ghiaccio giovane che spesso forma fogli sottili, generalmente spessi non più di 10 centimetri. Ma il nilas in questa immagine è streaky, non simile a un foglio.

Secondo Walt Meier, uno scienziato del ghiaccio marino del National Snow and Ice Data Center, i venti hanno probabilmente indotto vortici nello strato d’acqua più vicino alla superficie, causandola ruotare verticalmente in piccoli schemi circolari perpendicolari al di rezione del vento. Nelle aree dove queste rotazioni convergono, il ghiaccio di nilas si è raccolto, creando le strisce grigio chiaro tra le acque più scure.Nilas che aveva attraversato l’apertura si è raggruppato vicino al bordo del ghiaccio principale, formando una sottile linea blu-grigio. Il colore blu, però, è una curiosità. Il ghiacciaio e il ghiaccio marino di solito appaiono blu quando il ghiaccio è diventato così denso da assorbire le lunghezze d’onda più lunghe della luce e riflette solo il blu. “Non so bene come il ghiaccio marino qui abbia il colore blu”, ha detto Meier, “ma è possibile che il ghiaccio sia stato compresso abbastanza da causare quell’effetto. »Successivamente, vediamo una distinta striscia di ghiaccio grigio, che Meier ha notato potrebbe essere nilas o ghiaccio grasso. In entrambi i casi, il colore grigio è un indizio che questo è un sottile ghiaccio del “primo anno” – ghiaccio giovane che si è formato dopo la stagione di scioglimento estivo 2020-21.

Infine, oltre le toppe grigie vediamo il ghiaccio marino più antico e denso. Meier pensa che questo sia probabilmente anche ghiaccio del primo anno, ma nota che il mare di Weddell contiene alcuni ghiacci pluriennali sopravvissuti ad almeno una stagione estiva di scioglimento. “In entrambi i casi, questo è ghiaccio che esiste almeno dall’inizio della stagione di crescita del ghiaccio a marzo o aprile ed è spesso un metro o più”, ha detto. Ma anche questo ghiaccio più vecchio e denso non è immune dagli effetti del vento. L’implacabile spinta ha causato la frattura del ghiaccio, visibile come la rete di aree scure e linee attraverso la distesa altrimenti bianca.Nonostante la piccola quantità di crescita e i modelli accattivanti, il ghiaccio marino attraverso il Weddell continuerà a diminuire con l’avanzare della stagione di scioglimento. Finora in tutto l’Antartide, tre mesi dopo l’inizio del declino stagionale, l’estensione del ghiaccio marino nel novembre 2021 era ben al di sotto della media dei 42 anni per il periodo dell’anno.

Fonte articolo: Windblown Beauty in the Weddell Sea (nasa.gov)

Riguardo all'autore

Luca

Ciao sono Luca e questo è il mio sito nel quale pubblico i miei progetti e ospito l'Associazione Meteo Live VCO. Spero ti piaccia e buona navigazione.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Temperature VCO e dintorni