Temperature di ottobre, a Domodossola +19.4°C.

Föhn, punte di 19°C a Domodossola, solo 4 volte a dicembre negli ultimi 28 anni.

Un mix di aria più calda oceanica nei bassi strati e l’effetto del Föhn hanno generato temperature insolite per il periodo, A Domodossola, loc. Nosere, registrati 19.4°C collocandosi al 5° posto negli ultimi 28 anni, i record spettano al 1 dicembre 2012 con 21.7°C, al 23 dicembre 1991 con 20.5°C, al 14 dicembre 1994 con 19.9°C e, in quarta posizione, al 6 dicembre 2001 con 19.8°C.

Come si vede queste temperature estreme sono spalmate nell’arco degli anni presi in considerazione, sintomo di normali fasi climatiche, in questo caso non c’entrano i cambiamenti climatici con  il riscaldamento globale. Tuttavia bisognerebbe confrontarli con il trentennio precedente, ma essendo fenomeni che sono parte integrante del clima Alpino è possibile che queste temperature si siano giù registrate. Quello che invece si potrebbe avere è un aumento di temperature vicine ai 20°C nell’arco del trimestre invernale e non del solo mese di dicembre.

Tanti i gradi di differenza questa mattina nel VCO, mentre a Masera, davanti allo sbocco vallivo della Antigorio la zone era interessata dal vento caldo, si registravano già i 17°C a Gravellona Toce la colonnina era ferma a 7°C. Nel dettaglio vediamo le temperature massime registrate in questi ultimi 3 giorni:

Domodossola 19.4°C, Formazza 13.1°C, Cicogna 18.0°C, Cannobio 16.0°C, Verbania 16.7°C, Omegna 18.0°C, Ameno 18.7°C, Arona 18.6°C, Belgirate 16.8°C, Ghiacciaio Belvedere 10.7°C, Gravellona Toce 16.8°C, Ornavasso 14.8°C, Borgomanero 16.1°C. Temperature più consone per il mese di ottobre e non ultima decade di dicembre. Impetuoso il vento a 2000 metri, registrate raffiche a  127, 116 e 99 Km/h.

Per i prossimi giorni il clima sostanzialmente non cambierà, cieli sereni, banchi di nebbia in pianura e laghi e un moderato calo delle temperature sui valori più vicino alle medie del periodo ci accompagneranno fino alla fine dell’anno. Dai vari GM ( Global Model) non arrivano segnali confortanti neanche per la prima decade di gennaio e, per i più scettici, l’indice NAM sta per sfondare i +2. Questo, potrebbe portare ad altri 45/60 giorni di alta pressione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Share This