Temporali e fulmini.

Temporali e fulmini

Sebbene l’Italia non è mediamente il territorio con il maggior numero di temporali e fulmini, questo spetta all’Africa centrale come evidenziato dalla mappa qui sopra, si presta bene da nord a sud, questo grazie al carburante sotto forma di aria calda e umida a volte presente nei bassi strati rilasciato dal bacino del Mediterraneo e dalla conca valliva della pianura Padana.
Le stagioni maggiormente interessate da temporali e fulmini sono la primavera, l’estate e l’autunno.

temporali e fulmini

http://www.astrogeo.va.it/fulmini/fulmini.jpg

Di seguito si illustrano alcuni parametri da tenere in considerazione quando si vuole prevedere la possibilità e il tipo di fenomeni temporaleschi.

CAPE (CONVECTIVE AVAILABLE PONTENTIAL ENERGY)

E’ un indice che evidenzia l’energia totale di galleggiamento acquistata da una massa d’aria finché arrivi in libera convezione durante l’ascesa, ovvero resti più calda dell’ambiente circostante. I temporali si formano per mezzo dei moti convettivi dell’atmosfera e, quando una massa d’aria è instabile, la particella che sale verso l’alto riceve una spinta dovuta alla differenza di pressione tra l’aria spostata e l’aria ambiente a maggior quota: maggiore è la spinta, maggiore è la possibilità di fenomeni temporaleschi. È interessante notare che i temporali possono formarsi anche con un CAPE ridotto: quest’ultimo infatti è un buon indice di probabilità temporalesca, ma non di assoluta assenza di essa.

< 500            Assenza di temporali

500-1000      Possibilità di sviluppo di celle isolate

1000-2000    Moderata instabilità, possibile formazione di multicella

2000-3000    Elevata instabilità, formazione di temporali violenti e anche autorigeneranti, locali supercelle

>3000           Elevatissima instabilità, fenomeni violenti estesi, possibilità di supercelle HP (alto potenziale)

LIFTED INDEX

E’ un indice che misura l’instabilità dell’aria della media troposfera, in particolare verso i 5400-5600 metri. La sua formula è:

LI = Tamb500 – Tp500

Tamb500 è la temperatura ambiente a 500 hPa, mentre Tp500 è la temperatura della particella a 500 hPa: entrambi i termini dell’equazione si riferiscono alla quota di circa 5400-5600 metri, per questo è un indice di media troposfera. Da notare che un LI positivo indica che la temperatura circostante la particella è superiore a quella della particella medesima e quindi è un indice di stabilità atmosferica.

> 2                Assenza di temporali

Da 0 a 2       Possibilità di sviluppo di celle isolate

Da -2 a 0      Possibilità concreta di genesi temporalesca, anche multicella

Da -4 a -2     Alta probabilità di fenomeni temporaleschi, localmente violente

< -4              Elevata instabilità atmosferica, con temporali sparsi anche violenti, possibili supercelle

PRECIPITABLE WATER

E’ un parametro che indica la quantità di umidità presente in atmosfera. Se tutta la quantità di vapor acqueo presente in una colonna d’aria precipitasse al suolo, il suo valore in mm sarebbe il PW. È ovvio che il PW è sempre maggiore della precipitazione effettiva, però esso è un dato molto rilevante e utilizzato in più ambiti. Nella tabella, le scale di valori sono in pollici, tenendo presente che 1 inch (pollice) = 25,4 mm.

< 0.50            Quantità di vapor acqueo molto bassa

0.50-1.25       Quantità di vapor acqueo bassa

1.25-1.75       Quantità di vapor acqueo media

1.75-2.00       Quantità di vapor acqueo alta

> 2.00            Quantità di vapor acqueo molto alta

Ambiti di utilizzo del PW

Supercelle: differenzia le HP (High Precipitation) dalle LP (Low Precipitation). Le prime hanno un PW > 1.75 inch (in casi estremi anche superiori a 3.00), mentre le seconde indicativamente < 1.00 inch.

Rischio di alluvione: è abbastanza logico pensare che vaste aree con PW elevati possano presentare rischi di alluvioni, anche estese. Solitamente valori di 2.00-3.00 inch locali possono recare alluvioni lampo, con violentissime precipitazioni a scala locale. 
In autunno la differenza tra gli altostrati e i nembostrati la fa anche il PW (in altri termini, la differenza tra pioggia copiosa e pioviggine intermittente)

Grandine: un elevato PW tende a ridurre il volume del chicco; le supercelle classiche spesso sono maggior produttrici di grandine rispetto alle HP.

Fulmini: come è noto, l’acqua è un ottimo conduttore, perciò statisticamente temporali con alto PW sono buoni generatori di fulmini.

TOTAL TOTALS INDEX

E’ un indice usato per quantificare la probabilità di fenomeni violenti. 

VT (Vertical Totals) è la differenza tra la temperatura a 850 hPa e quella a 500 hPa: CT (Cross Totals) la differenza tra il punto di rugiada a 850 hPa e la temperatura effettiva a 500 hPa.

< 44        Scarsa convezione: bassissima probabilità temporalesca

44-50      Possibilità di sviluppo di celle isolate

51-52      Possibilità di multicella: locali fenomeni violenti

53-56      Alta probabilità di temporali a multicella: possibili supercelle

>56         Elevatissima instabilità atmosferica, alta possibilità di supercelle, anche HP (ad alto potenziale)

Fonte testo: http://www.meteostretti.altervista.org/METEOSTRETTI/STORMCHASING.html

Luca

Ciao!! Sono il fondatore dell'associazione MeteoLiveVco, questo è il mio sito con il quale la ospito. Spero ti piaccia e buona navigazione. Conoscere il proprio clima rende civilmente più responsabili.