Speriamo inizi la primavera?

Ci stiamo abituando male. I cambiamenti climatici in atto, con record su record mensili e annuali a livello globale in un susseguirsi senza fine, stanno alterando la sensazione oggettiva di come debbano essere le stagioni.

Questa mattina su RVL la Radio Gianni Mongrandi affermava, sperando,  che finalmente iniziasse presto la primavera. E’ davvero cosi? non c’è stata la primavera? se piove o fa temporali non è primavera? la primavera è sinonimo di caldo? se fa una spolverata a 2000 metri è anomalo?

Non me ne voglia Gianni la mia non vuole essere una critica a lei, si vuole solo mettere a conoscenza le persone di come dovrebbe essere  il nostro clima, le nostre stagioni, in base alle medie trentennali.

A livello nazionale il mese appena passato, aprile 2016, ha avuto una anomalia termica di +2.76°C, marzo 2016 chiude con una anomalia di +0.92°C . Le anomalie sono riferite alla media trentennale 1971/2000 divenuta ufficiale sia dall’eronautica militare che dall’organizzazione mondiale meteorologica. Il mese di maggio deve ancora concludersi ma ci vorrà ben altro per terminare sottomedia. La primavera 2016 di marzo e aprile è stata di +1.84°C.

anomalia aprile 2016

Se ha già fatto più caldo del nomale perchè dovremmo sperare nell’inizio della primavera? con queste anomalie non sarebbe meglio auspicare finisca presto? La primavera è la stagione più dinamica, caratterizzate da occasionali nevicate fino al piano in buona parte del nord, dai primi temporali nel mese di aprile, e da pioggie più a carattere di rovescio con la persistenza di alcuni giorni nel mese di maggio. Il tutto intervallato da belle giornate con l’anticlone delle Azzorre a farne da padrone.

Tutti e tre i mesi superano mediamente i 100 mm di pioggia, a Domodossola per fare un esempio, il mese di marzo ha una media di 105mm ne ha fatti 72, aprile ha una media di 155 mm ne ha fatti 129, il mese di maggio ha una media di 171 mm fino adesso ne ha fatti 87 di mm. Ha piovuto poco e questo di riflesso sta a significare che ha fatto più bello del normale.

Con le sempre più frequenti andate di caldo africano ci stiamo abituando male, si perdono i paletti di riferimento climatico.

Le primavere cosi come le estati non sono sinonimo di caldo e bel tempo, ma ne fanno parte e non sono la maggiore.

La maledizione del weekend, verità o dicerie?

Rimani aggiornato con i nostri articoli, ti invieremo una mail, compila il form:

Seleziona lista:




Luca

Ciao!! Sono il fondatore dell'associazione MeteoLiveVco, questo è il mio sito con il quale la ospito. Spero ti piaccia e buona navigazione. Conoscere il proprio clima rende civilmente più responsabili.