Lampi e tuoni: come calcolarne la distanza

Vedi lampi e senti tuoni: ecco come calcolare quanto è distante da te il temporale.

Se ti trovi in montagna in campagna o in qualsiasi altro luogo all’aperto e senti arrivare un temporale, udendo un lampi e tuoni, non ti preoccupare c’è un modo per capire se viene verso di te, e cercare riparo, o se si sta allontanando, vediamo come.

Un fulmine catturato da Riccardo Criseo

Per capire la distanza di lampi e tuoni che hai sentito bisogna contare i secondi che trascorrono tra quando hai visto il lampo e quando il suono è arrivato al tuo udito. Facciamo finta che hai contato e sono trascorsi 5 secondi, ora aspetti di vedere un’altro lampo, se i secondi sono aumentati allora quasi certamente il temporale si sta allontanando da te, se sono diminuiti allora quasi certamente si sta avvicinando. Questa prova, per esserne più sicuri, è meglio farla con due o tre fulmini.

Il suono e la luce si propagano a velocità diverse, la luce, che in questo caso è il fulmine, viaggia a circa 300.000 km al secondo, il suono invece si propaga nell’aria a 1 Km ogni 3 secondi, per questo motivo i secondi che hai contato vanno divisi per 3.

Se nel nostro conteggio abbiamo rilevato 5 secondi, tra quando abbiamo visto il fulmine e udito il rombo del tuono, allora dividiamoli per 3, viene cosi che il fulmine che abbiamo sentito è caduto a 1.6 km di distanza.

Se vogliamo essere più precisi scendiamo sulla scala dei metri e moltiplichiamo il suono che viaggia a circa 330 m al secondo per i secondi contati, se ad esempio sono trascorsi solo 2 secondi il fulmine sarà caduto a circa 660 metri.

Questo sito evidenzia in tempo reale su una mappa lo svolgersi dei fenomeni temporaleschi, grazie alla collaborazione di singole persone munite di un ricevitore radio che rilevano le scariche atmosferiche e contemporaneamente l’istante esatto in cui si verificano con il dato temporale, fornito da orologi atomici ricevibili anch’essi via radio e via web.

Mediante una triangolazione elaborata sulla base dei dati comunicati in automatico via web dai singoli utenti sparsi per il territorio si riesce a identificare l’esatta locazione dell’episodio elettrostatico. Consiglio di selezionare la voce “Sensori” in basso a sinistra per evidenziare la triangolazione. http://it.blitzortung.org/live_lightning_maps.php?map=10

Galleria fotografica Riccardo Criseo Photo

Riccardo Criseo Photo

Pin It on Pinterest

Share This