CLIMA, scoperte tracce di un’antica foresta pluviale in Antartide, indicano un mondo preistorico più caldo.

Prove di foreste pluviali vicino al polo sud, è quello che i ricercatori hanno trovato, questo fa pensare ad un clima molto più caldo di adesso.

Una squadra di ricercatori, inglesi e tedeschi ha scoperto nei sedimenti un antico suolo forestale, risalente al periodo Cretaceo a 900 Km dal Polo Sud. Le analisi delle radici, del polline e delle spore ritrovate fanno pensare che la terra allora era molto più caldo di adesso, molto di più di quanto si pensasse.

I ricercatori nel pool internazionale sono guidati da geoscienziati del Central Helmholtz Institute for Polar and Marine Research in Germania, Alfred Wegener Institute, tra cui ricercatori dell’Imperial College di londra. Le loro scoperte sono state pubblicate su Nature

Tina van de Flierdt, del Dipartimento di Scienza della Terra e Ingegneria di Imperial, ha dichiarato:

La conservazione di questa foresta di 90 milioni di anni fa è eccezzionale, ma ancora più sorprendente è il mondo che rileva. Anche durante i mesi di oscurità, le foreste pluviali temperate paludose sono state in grado di crescere vicino al polo sud, rivelando un clima ancora più caldo di quanto ci aspettassimo.

Il lavoro svolto suggerisce anche che i livello di anidrite carbonica (CO2) nell’atmosfera erano più alti del previsto durante il periodo medio cretaceo, 115-80 milioni di anni fa, sfidando i modelli climatici del periodo.

La professoressa Tina van de Flierdt e il dott. Johann Klages lavorano sul campione di terreno antico. 
Credito: T. Ronge, Alfred-Wegener-Institut

La metà del Cretaceo fu il periodo di massimo splendore per i dinosauri, fu anche il periodo più caldo degli ultimi 140 milioni di anni, le temperature ai tropici erano di 35°C e il livello dei mari era di 170 metri più alto di adesso.

Al momento si sapeva molto poco sul clima e sull’ambiente a sud del circolo polare antartico. Ora i ricercatori hanno trovato prove di una antica foresta pluviale, simile alla odierna foresta che si trova in Nuova Zelanda. Questo fa anche pensare che fosse improbabile la presenza della calotta polare di ghiaccio al Polo Sud.

Le prove della scoperta provengono dai sedimento perforati nei fondali marini vicino ai ghiacciai di Pine Island e Thwaites, nell’antartico occidentale.

Il team scansionando il nucleo prelevato ha trovato una fitta rete di radici fossili, molto ben conservata. Il campione contiene anche innumerevoli tracce di polline, spore di piante, inclusi i primi resti di piante da fiore mai trovati a queste latitudini antartiche.

Per ricostruire l’ambiente di questa foresta preservata, il team ha valutato le condizioni climatiche in cui vivono i moderni discendenti delle piante, nonché analizzando gli indicatori di temperatura e precipitazioni all’interno del campione.

Hanno scoperto che la temperatura media annuale dell’aria era di circa 12 gradi Celsius; circa due gradi più caldo della temperatura media in Germania oggi. Le temperature medie estive erano di circa 19 gradi Celsius; le temperature dell’acqua nei fiumi e nelle paludi hanno raggiunto i 20 gradi; e la quantità e l’intensità delle precipitazioni nell’Antartide occidentale erano simili a quelle del Galles di oggi.

Fonte: https://phys.org/